skip to Main Content
0523 881041      renziceramiche@tiscali.it      Via Emilia Pavese 61 - 29015 Castel San Giovanni (PC)
Stufe a pellet     Arredo bagno     
Pavimenti In Cotto

Pavimenti in cotto

  • blog

Il pavimento in cotto è l’emblema dell’artigianalità italiana tra i pavimenti che vanta una tradizione antichissima soprattutto per le pavimentazioni di ville o ambienti esterni in epoca romana.  Il cotto prende il nome appunto dalla cottura dell’argilla che, una volta impastata, viene messa in apposite formelle di diverse dimensioni e forme. Le piastrelle una volta cotte verranno trattate per limitare la loro porosità rendendole più facili da pulire. La lavorazione finale  delle piastrelle in cotto permetterà di ottenere effetti differenti; levigato, effetto vintage oppure effetto naturale.

Il cotto conserva un fascino storico e artigianale unico, i pavimenti in cotto sono una delle scelte più appropriate per pavimentazioni di pregio e ben si adattano a ristrutturazioni di case e palazzi storici così come ad ambienti moderni che vogliono far risaltare il pavimento in cotto in tutto il suo pregio.

La scelta di pavimenti in cotto per pavimenti permette di avere non solo un pavimento di pregio dallo stile tutto italiano ma anche un pavimento tutto naturale, dalla qualità garantita e dalla provenienza italiana. Il cotto è infatti un prodotto realizzato a mano con tecniche artigianali che garantiscono la sua durevolezza nel tempo e oltre a conservare il fascino tipico della manualità si presta perfettamente ai più moderni ed ecologici sistemi di riscaldamento a pavimento con pannelli radianti per la sua naturale conducibilità termica.

La classificazione dei pavimenti in cotto

La prima distinzione che bisogna tenere in considerazione consiste nella lavorazione: Artigianale, riconoscibile per le differenti sfumature di colore da una mattonella all’altra che ne conferisce il tipico effetto “rustico” oppure industriale. Quest’ultima garantisce piastrelle uniformi nel colore, più resistenti agli sbalzi termici e più adatte per pavimentare ambienti esterni quali scale e portici. Se opportunamente trattato con appositi prodotti che lo rendono anti-scivolo, può essere utilizzato anche per pavimentare  spazi adiacenti a piscine o fonti d’acqua.

La zona di produzione  del pavimento in cotto è un altro aspetto fondamentale per identificarne le diverse tipologie.

L’Italia grazie alla sua varietà di sottosuolo e di composizione di quest’ultimo ci regala differenti tipologie di pavimenti in cotto: il cotto fiorentino, prodotto nella zona di Firenze e apprezzato in tutto il mondo, viene prodotto ancora artigianalmente grazie all’argilla presente in questo territorio che assume sfumature tendenti al rosso.

Il cotto Umbro prodotto principalmente a Terni, assume sfumature di colore rosato dovuto alla presenza di minerali tipici del sottosuolo della zona, il cotto giallo tipico delle zone della Toscana e dell’Umbria che naturalmente assume questo colore grazie alla presenza di calcare nell’argilla.

Un’altra variante è rappresentata dal cotto siciliano  ottenuto dall’estrazione dell’argilla delle cave locali e vulcaniche  che grazie alle sue componenti lo rendono particolarmente resistente agli sbalzi termici. Particolare questa tipologia che viene decorato o intervallato con le ceramiche tipicamente siciliane.

Scelta la tipologia e l’effetto di colore che si vuole ottenere non rimane che scegliere tra  diversi formati  e dimensioni della piastrella (rettangolare, quadrata, esagonale o ottagonale) ed ottenere l’effetto desiderato considerando oltre al gusto personale anche la destinazione d’uso.

Vantaggi e svantaggi del pavimento in cotto

Il cotto è un materiale naturale che ben si adatta ad ogni tipo di stile e di arredamento. Al contrario di ciò che si potrebbe pensare, sempre più persone tendono ad abbinare questa tipologia di pavimentazione anche con arredamenti moderni perchè il contrasto enfatizza maggiormente le peculiarità di questa soluzione. Sicuramente non è un materiale economico ma chi lo sceglie non lo fa sicuramente per una questione di prezzo. Essendo un materiale naturale richiede sicuramente più attenzioni rispetto ad esempio al gres porcellanato. Il cotto infatti tende a sporcarsi più facilmente e ad assorbire le sostanze con il quale viene a contatto. In ultimo due parole anche sull’installazione che richiede maggiore esperienza rispetto al gres preso come esempio precedentemente.

I pavimenti in cotto nonostante siano sul mercato da diversi decenni, sono ancora molto apprezzati dai consumatori. Sicuramente non sono “per tutti”, ma se amate il fascino di questo prodotto e siete disposti ad avere maggiori accortezze nella pulizia, potrebbero rivelarsi un’ottima soluzione.

Back To Top